Home     La Chiesa     La Congrega     Le Attività     Gli emigrati    Contatti  

 

La Chiesa e gli emigrati americani

Gli altavillesi di New York ebbero una particolare devozione per la Madonna del Carmine e ciò è dimostrato dalle continue offerte pervenute alla Congrega dalla fine del 1800 ai primi decenni del novecento. Di seguito è riportata la deliberazione n° 1 del 30 agosto 1881 con la quale si si prendeva atto e si riconosceva l'operato degli altavillesi americani.

Il Priore della Congrega nella riunione di oggi, avendo dichiarato come molti concittadini emigrati nelle Americhe settentrionali e propriamente a New York, continuamente hanno inviato e tuttora mandano obblazioni in danaro concorrendo così al maggior incremento e sviluppo della Congrega, perlocchè propone acchè la stessa voti in loro favore di benefizi spirituali affinché più volentieri indirizzino alla via della devozione verso della Nostra Signora Maria SS. Del Carmine, ed offrendo qualche elemosina, oltre l'opera soddisfatrice, al beneficiare trovino qualche vantaggio spirituale e la Congregazione udito il Priore che ha proposto quanto sopra, considerato che effettivamente molti concittadini emigrati in New York hanno largito e tuttora largiscono somme per lo arredamento di questa congrega troppo sfornita degli stessi, considerato che sebbene la sola devozione spingesse i fedeli suddetti a fare quanto sopra pure meritano qualche corrispondenza dalla congrega; epperciò la stessa all'unanimità Delibera:

  1. Che tutti coloro i quali dalla data della presente deliberazione, largiranno una somma qualunque in benefizio di quella Congrega siano considerati come confratelli della stessa;
  2. Che gli stessi godranno tutti i benefizi spirituali annessi a questo pio sodalizio;
  3. Parteciperanno e saranno tenuti presenti nella recita del divino ufficio della S.Messa e di tutto quello che la Congrega farà pel benefizio spirituale di tutti gli altri confratelli;
  4. Saranno inscritti in apposito registro, ed avverandosi la morte di uno di essi, subito dopo la partecipazione, sarà celebrato un servizio funebre in loro suffragio;
  5. Rimpatriando, senza diritto di entratura, e col semplice pagamento della danda annuale di grana 24, continueranno ad essere confratelli e godranno di tutti i benefizii assegnati agli altri confratelli residenti in questo comune.

..

Negli anni successivi qualcosa però ha interrotto incrinato i rapporti tra la Congrega e gli altavillesi-americani. Ho ritrovato, nell'archivio della Chiesa del Carmine, la Circolare del 1° marzo 1897, emanata dal Sacerdote Antonio Liccardi, P.S. della Congregazione, nella quale viene specificato quanto segue:

. Arredi sacri di ricco valore, argenterie artistiche, quadri ristaurati ad oro, statue, pitture, altarini di marmo, pavimento, soffitta, campane e campanile ecc. ecc. è tutt'opera fatta col danaro pervenuto dall'America, saggiamente speso da zelanti direttori della Congregazione. Quando tutto però induceva a credere che una splendida fine coronasse tanta opera, il demone della invidia, o quello della malvagità, fatte false e stolte insinuazioni, arrestò sui bella impresa, cosicché per 2 anni consecutivi, non più pervennero offerte, raggiuggendo così il tristo scopo, di non veder completamente adornata la casa di Dio e della sua S.ma Madre.

Per siffatta ragione, il sottoscritto, si rivolge al Confratello

Sig. Capaccio Vito

Sig. Zurlo Salvatore

Sig. Tangredi Basilio

Sig. Bianco Germano

Sig. Caito Germano

Sig. Cantalupi Nicola di Alfonso

ed altri divoti della Vergine del Carmine, perché, tutti insiemi, o separatamente, raccogliessero offerte tra paesani, amici e conoscenti, e li inviassero al sottoscritto, il quale curerà, nella festa più prossima all'arrivo delle offerte, pubblicare il nome degli oblatori, e stamparli in uno splendido elenco, che poi serve per discarico dei raccoglitori, e pel rilascio delle librette di confratello non appena saranno rimpatriati.

Con questa circolare furono ristabiliti i normali rapporti con gli emigrati e cio' è dimostrato dalla presenza, nell'archivio storico della Chiesa, degli elenchi delle offerte pervenute negli anni successivi. Nel 1909 e nel 1910 furono inviate somme pari a ca. 300 e 160 lire. Nella seconda decade del 1900 invece furono raccolte 1728,65 lire per l'acquisto della nuova veste alla Statua della Madonna .

 

Galleria Fotografica:

Gli addobbi

L'infiorata

La Congrega

I festeggiamenti

Le statue

La chiesa