1908 - Il Monastero di Altavilla visto dall'Archiettto Leonardo Paterna Baldizzi

Documenti della BIBLIOTECA DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI di Roma

Paterna Baldizzi, Leonardo,  (Palermo 1868 - Roma 1944) . Aarchitetto e docente universitario

Dopo gli studi presso l'Istituto di Belle Arti dell'Università di Palermo, si trasferì dapprima a Roma nel 1894 ove vinse il concorso per la borsa triennale del Pensionato Artistico Nazionale, poi a Torino ed infine nel 1905 a Napoli, dove tenne la cattedra di disegno architettonico presso l'Università. Autore di studi e ricerche nell'ambito della storia dell'arte, dell'architettura e del resturo dei monumenti

Scrisse i suoi tanti diari di viaggio, articoli polemici e saggi storici con la stessa passione con cui insegnò e disegnò architetture.  L’architetto si reco’ al Convento di Altavilla nel 1908 per fare un censimento delle opere e arredi sacri di valore artistico… ma trovò anche una spiacevole sorpresa…   

Cliccando sulle immagini ottieni l'ingrandimento.

Altavilla Silentina 14 Ottobre 1908

Da Salerno siamo partiti alle ore 9,10 A Battipaglia si cambi˛ treno per Albanella stazione di Altavilla. Il treno si ferm˛ per via per pi¨ di due ore- si era guastata la macchina- purtroppo materiale di scarto e locomotiva a consumazione sono inviati in questa reietta bassa Italia. Siamo arrivati ad Albanella alle ore 12 e mezza passate mentre vi si doveva arrivare alle 10 e mezza. Ad Albanella una vettura carica di scatole ci attendeva, un prete, un contadino. Alla meglio vi si fece largo e si potŔ andare con una fame terribile che ci ha accompagnato sino qui dove mi trovo in casa di una donna che fa da trattoressa, da moglie di contadino, da contadina, da venditore di cose varie.; mi pare di un paradosso ma parecchia rudimentalitÓ e sporcizia amabilissima!!! Il Sindaco un giovane avvocato da me fatto avvertire (avv. Francesco Mottola) nipote del parroco della chiesa di Sant'Egidio e rettore del Convento di Sant'Antonio, di San Francesco, ancora non si sa , dei minori conventuali, dove io debbo fare la ricognizione di opere e arredi sacri di valore artistico. Intanto tutto ci piace per la varietÓ.

Monastero ingresso 16 ottobre 1908. Ieri unitamente all'ing. Giovanni Borrelli dell'Ufficio Tecnico delle Finanze di Salerno ho passato a San Francesco tutto il giorno e al Municipio per redigere la ricognizione e il relativo verbale o relativi verbali. Cosa strana gli oggetti sacri nel 1871 furono consegnati a due uomini che facevano le funzioni di Sindaco e vice sindaco e che hanno sostituito persone all'ufficio che occupavano e si sono appropriati dell'argenteria e di tutto. Oggi siamo andati un po in giro per il piccolo e rudimentale paese e poi al Monastero dove mi sono fermato a fare questo schizzo e il seguente.

 

16 Ottobre 1908

Il Monastero di Altavilla Silentina ebbe origine verso il 1435 nell'anno del pontificato di Eugenio IV come si rileva dal P. Conzaga e dagli annuali del P. Wadingo. Dalla tradizione e dalla platea a colori risulta da un fondatore San Bernardino da Siena e lo Confermano i manoscritti di Luigi Staibano ricercatore dricercatore di memorie storiche della costiera di Amalfi (A. dei Baroni Ferrara - Cenni storici su A. S., 1898) .

*Le immagini visualizzate sono di ProprietÓ dell'Accademia Nazionale dei Lincei di Roma, un eventuale utilizzo dev'essere autorizzato con le indicazioni riportate al seguente link ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI di Roma